Interagisci

ariano che fu | archivio fotografico

IL PIÚ GRANDE ARCHIVIO
FOTOGRAFICO ARIANESE D'EPOCA
DISPONIBILE IN RETE
(beta) 

trovaci su...

movimento harambee su facebook

Allo stato, tutte le traduzioni, le morali, gli usi e gli impieghi sono protetti da licenza proprietaria Creative Commons e non sono quindi riproducibili salvo autorizzazione dello staff di proverbiarianesi.com (associazione Arianet). Chiunque senza il permesso dei legittimi proprietari utilizzi con o senza scopo di lucro i contenuti pubblicati in questo sito (esclusi i semplici proverbi espressi in lingua dialettale arianese i quali sono patrimonio comune non soggetti ad alcuna licenza) è perseguibile per legge.

Registriamo migliaia di visite al mese, pubblichiamo contenuti nuovi ogni settimana.
Vuoi inserire la tua pubblicità sul
nostro sito?

Vuoi vendere
un tuo prodotto?
Un alimento tipico, un libro su Ariano?

CONTATTACI
 

Lu Piattaro (Commerciante di stoviglie)

Send by emailVersione PDF

Anticamente, per le campagne arianesi, si aggirava la figura del "piattaro". Commerciante di stoviglie che, in genere, si recava per le varie masserie a vendere la merce ai contadini che non sempre avevano la possibilità di recarsi presso specifici punti vendita... a trovarli poi!!!

Intorno a questa figura è nata una storiella raccontata da diverse persone anziane, spesso, rievocata come uno specifico insegnamento di vita: 

Un contadino incontrando un piattaro per i campi gli chiede informazioni sulle condizioni atmosferiche (spesso, queste figure, rappresentavano l'unico collegamento con il mondo esterno... quindi, considerate persone ricche di informazioni).

Il piattaro gli rispose in questi termini: "Se m'aiuti a purtà la cesta ti rico quanno vene a chiove".

Il contadino pur di sapere qualcosa aiuta il piattaro a portare la sua cesta per un po' di strada. Arrivati a destinazione il contadino riformula la domanda ma, il piattaro, gli risponde: "Canta gallo, tramonta il tempo, adda chiove awanno ma nun si sape quann". In pratica non aveva dato alcuna risposta. Il contadino, arrabbiato per essere stato preso in giro, continua a camminare con la cesta in testa fino a farla cadere volutamente per terra. Il piattaro all'improvviso esclama: "che mà cumbinato?"... il contadino maliziosamente risponde: "Camminanno a buon passo truvai nu masso, n'aggiu rutti tant ma nun si sape quant". 

Morale... non fidarsi mai di nessuno.

Gentilmente segnalato dalla Signora Maria Luisa Giardino.

Iscriviti al nostro canale Youtube