Interagisci

ariano che fu | archivio fotografico

IL PIÚ GRANDE ARCHIVIO
FOTOGRAFICO ARIANESE D'EPOCA
DISPONIBILE IN RETE
(beta) 

trovaci su...

movimento harambee su facebook

Allo stato, tutte le traduzioni, le morali, gli usi e gli impieghi sono protetti da licenza proprietaria Creative Commons e non sono quindi riproducibili salvo autorizzazione dello staff di proverbiarianesi.com (associazione Arianet). Chiunque senza il permesso dei legittimi proprietari utilizzi con o senza scopo di lucro i contenuti pubblicati in questo sito (esclusi i semplici proverbi espressi in lingua dialettale arianese i quali sono patrimonio comune non soggetti ad alcuna licenza) è perseguibile per legge.

Registriamo migliaia di visite al mese, pubblichiamo contenuti nuovi ogni settimana.
Vuoi inserire la tua pubblicità sul
nostro sito?

Vuoi vendere
un tuo prodotto?
Un alimento tipico, un libro su Ariano?

CONTATTACI
 

I fondatori del sito

Send by emailVersione PDF

Molotov
Molotov è il nome di un personaggio di fantasia. Nasce sul portalearianese più o meno alla sua alba, ossia nel periodo in cui ad Ariano Iprino erano in corso i moti di piazza contro la discarica di Difesa Grande. Potrebbe apparire come un nick name di copertura, uno pseudonimo al servizio dell'anonimato di qualcuno. Invece no. Molotov è come Superman dei fumetti, James Bond del cinema, L'Innominato di Manzoni, Il Bombarolo di De Andrè, Desdemona di Shakepeare, La Gioconda di Da Vinci. Insomma Molotov non esiste. O meglio... non esiste nella realtà. Molotov è appunto un personaggio. Molotov ha quindi un autore. Egli ha voluto cimentarsi con un esperimento, non nuovo in rete, che chiama "narrativa dinamica". Tutti i personaggi appena citati infatti hanno una differenza sostanziale con Molotov. Essi sono statici. Ossia di loro potete leggere, immaginare, scoprire. Con loro potete condividere gioie, dolori, esperienze. Chi di noi non ha avuto sentimenti simili al protagonista del libro cuore, o i tormenti di Zeno. A volte ci siamo così immedesimati con un personaggio che abbiamo sofferto per i suoi problemi. Accade a molte persone che guardano le soap opera. Ci sono gruppi di persone che si compenetrano talmente nelle figure di fantasia al punto da diventare fanatici, organizzando feste a tema, come accade ad esempio per telefilm come Star Trek o Lost. Bene, ma per nessuno di loro è data la possibilità che invece è delle persone vere, della realtà, ossia non appartenenti alla fantasia, e cioè di poter interagire direttamente con loro.

Ecco dove sta la caratteristica originale di Molotov. Questa figura infatti è perfettamente in grado di interagire con chiunque. Certo, non gli sarà possibile andare a prendere un caffè, o giocare una partita con gli amici, ma grazie alla tecnologia di cui oggi si dispone, e sopratutto alla sua diffusione, oggi un tale personaggio tramite i forum di discussione, le chat, la mail, e altro, è perfettamente in grado di interagire con i propri... lettori, anche se risulta a questo punto improprio se non riduttivo definirli così. Molotov può essere donna, uomo, basso alto. Può avere molta o nessuna attinenza con il suo autore, o magari, perchè no... con i suoi autori.

Molotov è infatti autonomo. Il suo autore si è fino ad ora tenuto nascosto. Questo potrebbe apparire incomprensibile. E' come se Camilleri cercasse di tenere nascosto l'essere l'autore di Montalbano. In verità l'autore di Molotov ha sempre ritenuto che nel momento in cui si scoprisse chi scrive Molotov, ebbene la maggioranza dei lettori non sarebbe più in grado di rivolgersi al personaggio ma inevitabilmente all'autore. Forse questo proprio a causa del suo carattere interattivo.

Si perderebbe tutto il lavoro impiegato per dare a Molotov l'architettura della personalità di cui gode. Questa personalità è così definita da permettergli di interagire al punto di fondare, in collaborazione con una persona vera in carne e ossa, Marco Ciano, ben noto sul portalearianese con il nick Lu Brigante, questo sito.

 

Brigante
Brigante è una persona in carne ed ossa, che vive ad Ariano Irpino. All'anagrafe della città è conosciuto come Marco Ciano. Come figura pubblica nasce sul portalearianese, in concomitanza delle elezioni amministrative di giugno 2004 nelle quali è candidato a consigliere comunale per il partito di Forza Italia ottenendo un buon risultato. Da subito si caratterizza per la sua forte appartenenza alla formazione politica di Silvio Berlusconi, condividendone principi, finalità e non ultima la stima e l'ammirazione per il leader di Arcore.

Si trova spesso a contrastare isolato l'ambiente del portalearianese prevalentemente collocato a centro-sinistra, assumendosi inizialmente da solo il compito di rappresentare e difendere le ragioni della destra italiana nella comunità virtuale all'epoca più numerosa, e forse anche l'unica, della città di Ariano Iprino. Dopo di lui si iscrivono al portalearianese e lo affiancano nelle diatribe della sezione Forum altre persone che diventeranno suoi indivisibili alleati di discussioni e scontri epistolari. I duelli nei post diventano sempre più duri. Memorabile resterà lo scontro con il nick Turbonegro, concluso, anche se mai del tutto, con un'auto-sospensione di protesta di quest'ultimo dalla comunità, giudicata troppo deregolamentata. A questo punto, Brigante diventa un punto di riferimento e baluardo di tutti coloro i quali non si rispecchiano nella gioventù di centro-sinistra, ma sopratutto di chi nutre entusiasmo e trasporto per la figura di Berlusconi.

Brigante comprende che è il momento di capitalizzare la popolarità del momento e si fa eleggere, con un plebiscito, alla carica di coordinatore dei Giovani di Forza Italia del Club di Ariano Irpino. Nel partito si impegna e frequenta gli appuntamenti politici imperdibili. Difficile dimenticare le sue foto pubblicate sul portalearianese al fianco dell'allora Presidente del Consiglio nel Meeting di Sorrento. La sua vita politica continua sulla strada della rappresentanza. Dopo aver preso parte alle Assise dei Giovani per la sua parte politica, si fa nominare in quota Associazione Ars et Labor nell'organo di rappresentanza giovanile del Comune: il Forum della Gioventù, ricoprendo l'incarico di Presidente della commissione Cultura. 

La sua attività infatti è profusa, oltre che in politica e nella comunità virtuale, anche in ambito aggregativo, particolarmente nel contesto dei beni culturali e della tradizione della città di cui fa parte. Marco Ciano collabora poi con l'ufficio dei beni culturali della Curia Vescvovile da circa un decennio e lo si vede spesso come guida turistica di Ariano. Oggi Marco Ciano resta un grande appassionato di storia, arte e architettura specie quelle locali, e quindi anche di proverbi, detti e tradizione. E' per questo che Brigante si lascia volentieri coinvolgere da Molotov nella fondazione di questo sito che cura con puntualità e passione ed eccero tutto il piacere di proporre.

 


 

Dopo qualche anno, a causa di mancanza di disponibilità di tempo, Molotov e Brigante tralasciano la gestione di questo sito affidandola ad altri. Allo stato stato il portale della Tradizione Orale Arianese è tenuto dall'Associazione Arianet.

 

Buona navigazione